Stelutis Alpinis

Se tu vens cà sù ta' cretis
là che lôr mi àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis;
dal miò sanc l'è stât bagnât.

Par segnâl, une crosute
jè scolpide lì tal cret;
fra che' stelis 'nàs l'erbute,
sot di lor jo dùar cujet.

Ciol, su ciol, une stelute
che ricuardi il nestri ben:
tu 'i darâs 'ne bussadute
e po' plàtile in tal sen.

Quant' che a ciase tu sês sole
e di cûr tu preis par me,
il miò spirt ator ti svole;
jo e la stele 'o sin cun te.

Stelutis Alpinis

Se tu verrai quassù fra queste rocce
là, dove mi hanno sotterrato,
c'è un prato pieno di stelle alpine;
dal mio sangue è stato bagnato.

Per segnale, una piccola croce,
è scolpita lì, sul sasso
in mezzo alle stelle e l'erba rada.
Io, dormo quieto, sotto di loro.

Cogli! Su! cogli una stella:
ti ricorderà del nostro amore:
dalle un piccolo bacio
e poi stringila al tuo seno.

Quando a casa sarai sola,
e vorrai pregare per me,
la mia anima giocosa t'avvolgerà tutta;
Io e la Stella, saremo con te.

Omaggio alla terra Friulana.